Il Barolo in 10 righe

September 17, 2017

 

Il Barolo “il vino dei re, il re dei vini”: questa è una tra le definizioni più amate e conosciute per indicare la Docg Barolo, fiore all’occhiello dell’enologia italiana.

 

 

Il Barolo nasce alla fine del XIX secolo grazie a due figure storiche: Camillo Benso Conte di Cavour e la Marchesa di Barolo Giulia Colbert Falletti. Con loro si iniziò a vinificare il Nebbiolo secondo lo stile francese: nacque così un vino dalla grande struttura con profumi complessi, in grado di evolvere nel tempo senza perdere le sue caratteristiche organolettiche. Un vino che presto conquistò i palati di tutte le corti europee.

Doc nel 1966, nel 1980 arriva la Docg: un rigido disciplinare di produzione che stabilisce, tra le altre cose, l'utilizzo esclusivo del Nebbiolo in purezza e una sosta minima di 3 anni in cantina, di cui 18 mesi in bottiglia, prima di essere commercializzato (5 gli anni minimi invece per i Barolo Riserva).

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

Quando l'etichetta è pop. Quattro etichette creative (secondo noi)

February 6, 2019

1/10
Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio