Il Soave in 10 righe

Prodotto principalmente da uve garganega e trebbiano di Soave con rare aggiunte di pinot bianco e chardonnay, il Soave può essere fermo e secco, leggermente frizzante o, nella versione recioto, dolce.

Il Soave in 10 righe

Il vino bianco secco italiano più rinomato all’estero è prodotto sulle colline orientali della provincia di Verona e vanta oramai due DOCG, il Recioto di Soave e il Soave nella versione superiore.

Un fazzoletto di terra di diecimila ettari sul quale sono impiantati settemila ettari di vigneti, una delle aree più densamente vitate del mondo con suoli antichissimi tufacei e calcarei.

Il territorio di Soave ha suoli vulcanici e clima mite

In realtà il territorio di Soave, grazie ai suoli vulcanici e al clima mite, era famoso per i suoi vini già ai tempi dei Romani, salvo sperimentare in seguito fortune altalenanti a causa delle produzioni massa ottenute con uve di pianura. La rinascita del Soave avviene in via definitiva solo agli inizi del terzo millennio, quando i produttori di Soave trovano la coesione per eliminare il trebbiano toscano dal disciplinare e distinguere produttivamente e commercialmente i vini più pregiati vinificati con le uve collinari da quelli prodotti con le uve piantate in pianura. Con grandi risultati, in termini di qualità e immagine.

Il Soave è prodotto principalmente da uve garganega e trebbiano di Soave

Prodotto nella versione classico, colli Scaligeri e spumante (per la DOC), e superiore, superiore classico e riserva (per la DOCG), il Soave ha tra i suo vitigni d’elezione la garganega e il trebbiano di Soave, che ne determinano il carattere e il bouquet. Terroir-driven, come dicono gli inglesi, ma sontuoso e fine al tempo stesso. Non aromatico o dichiaratamente acido, il contenuto zuccherino a piena maturazione è perfetto e i suoi profumi di fiori bianchi, pesche e mandorle sono immediati. Il colore, paglierino o dorato che sia, è sempre intenso. Al palato è pieno, intenso e rotondo.

E’ possibile che vi lasci l’amaro in bocca, ma è nel suo DNA!

#soave #garganega #soavesuperiore

Post in evidenza